Ecco perché non è sufficiente tradurre in modo “classico” i tuoi materiali di marketing

Molti imprenditori e manager purtroppo, quando si tratta di far tradurre i propri materiali di marketing per espandere la propria azienda in nuovi mercati e cogliere nuove opportunità di business, non tengono in considerazione l’importanza di una traduzione in grado di vendere, che è ben diversa dalla classica traduzione.

Perciò, per evitare di incorrere anche tu nella stessa trappola, ecco perché non dovresti mai far tradurre in modo “classico” e in maniera letterale i tuoi materiali aziendali:

1 – La traduzione letterale rischia di incorrere in errori grossolani che ti faranno perdere soldi e quote di mercato

La traduzione letterale racchiude più insidie di quanto tu possa immaginare per la tua azienda e i suoi profitti…

Il perché è semplice. La traduzione letterale non tiene in considerazione un quadro più ampio che non riguarda solo la lingua in cui vuoi tradurre i tuoi materiali, ma anche la cultura, gli slang e la mentalità del pubblico target.

Un esempio eclatante di traduzione letterale che si è rivelata un vero e proprio disastro commerciale riguarda il famoso brand Apple. Esatto, pur essendo una delle aziende più grandi, organizzate e profittevoli al mondo, anche Apple è incappata in un classico errore da traduzione letterale.

Infatti, in vista del lancio dell’iPhone 7, Apple aveva tradotto in diverse lingue lo slogan della sua campagna pubblicitaria che recitava “Questo è il 7”.

Purtroppo però non fu considerato adeguatamente il caso specifico del cantonese, in cui la parola “sette” si dice “tsat”, termine colloquiale per indicare “genitali maschili”.

Ovviamente Apple fece subito modificare la traduzione per tentare di riparare all’errore commesso. Tuttavia questo episodio rimane famoso tutt’oggi, e non per buoni motivi, come puoi immaginare.

Perciò, per quanto siamo sicuri che questo episodio ti abbia strappato un sorriso, immagina se questa piccola svista dovuta ad una traduzione letterale fosse successa alla tua azienda…

Quanto un errore così banale avrebbe potuto compromette l’espansione del tuo business in un nuovo mercato e il conseguente numero di potenziali nuove vendite.

2 – La traduzione letterale non tiene in considerazione il mercato di riferimento

La seconda grande falla del sistema di traduzione letterale risiede nella mancata analisi di mercato necessaria per rendere una traduzione efficace per un nuovo pubblico.

In fin dei conti si traduce per rendere fruibile e persuasivo un contenuto in relazione ad un lettore e, in particolare, ad un potenziale cliente per la tua azienda.

Per questo la traduzione della singola parola estrapolata dal contesto, ovvero dal mercato di riferimento, potrebbe portarti a commettere lo stesso errore compiuto nel 1962 dalla General Motors per introdurre nel mercato mondiale la “Chevrolet Nova”.

Non lasciarti ingannare dal fatto che in italiano il termine “nova” porta con sé un significato positivo; difatti in Spagna e nel Sud America non è affatto così poiché, in spagnolo, “no va” significa “non va”.

Il risultato fu che Chevrolet fu costretta a rinominare l’auto Caribe esclusivamente per i mercati in lingua spagnola. Probabilmente, se avesse fatto un’analisi di mercato – passaggio essenziale prima di tradurre e immettere un nuovo materiale, naming o slogan in un nuovo paese – non avrebbe avuto questo problema.

3 – La traduzione letterale non tiene in considerazione la capacità persuasiva dei tuoi materiali di marketing e ne diminuisce l’efficacia

L’ultima considerazione riguardante la traduzione letterale è che, non solo non tiene in considerazione il mercato di riferimento, ma non considera nemmeno la capacità persuasiva che i tuoi materiali di marketing devono avere per il nuovo pubblico.

Infatti, così come i materiali che scrivi nella tua lingua di origine devono essere strutturati per vendere nel tuo mercato, così deve accadere anche quando affidi la traduzione in altre lingue del tuo messaggio di marketing.

In fin dei conti lo scopo della traduzione dei materiali aziendali è proprio l’aumento dei profitti dovuto alle vendite in nuovi paesi e noi di Vortex Translations, facendo parte di un gruppo multimilionario che ha fatto dell’espansione in nuovi mercati un suo punto di forza, sappiamo bene quanto possa incidere una traduzione accurata e impeccabile dei propri materiali aziendali affinché sia orientata al nuovo pubblico di riferimento per portare a termine con successo il processo di internazionalizzazione.

La Transcreazione è l’unico metodo in grado di tradurre i tuoi materiali per vendere in nuovi mercati

In definitiva, l’unico metodo in grado di mantenere l’efficacia persuasiva dei tuoi materiali di marketing e di garantirti risultati in termini di aumento di vendite non è la traduzione “classica” o letterale – come puoi immaginare – ma è esattamente l’opposto, ovvero il metodo della Transcreazione.

Non per niente il termine “transcreazione” è un neologismo formato da “traduzione” e “creazione” che indica l’adattamento di una traduzione pubblicitaria ad un target di riferimento, tenendo in considerazione uno specifico contesto culturale, sociale, ideologico.

In poche parole il testo non viene semplicemente tradotto, ma viene modellato e adattato per essere chiaro e persuasivo per i nuovi acquirenti, evitando errori che potrebbero suscitare malintesi nel nuovo mercato riducendo le vendite del tuo prodotto o servizio.
Ora, vuoi essere sicuro di affidare la traduzione dei tuoi materiali di marketing agli unici professionisti esperti nel tradurre per vendere grazie al metodo della Transcreazione? Allora contattaci cliccando qui e svilupperemo gratuitamente per te un progetto specifico sulla base delle tue esigenze.

Vuoi espandere la tua azienda all’estero e acquisire nuovi clienti?

Richiedi subito gratis il preventivo su misura delle tue esigenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright 2022 - Vortex Consulting LLC - Tutti i diritti riservati.

*This Website is not a part of Facebook or Facebook Inc. Additionally, this site is NOT endorsed by Facebook in any way. FACEBOOK is a trademark of FACEBOOK Inc.

Questo sito non fa parte del sito Facebook o Facebook Inc. Inoltre, questo sito NON è approvato da Facebook in alcun modo. FACEBOOK è un marchio registrato di FACEBOOK, Inc.